Menopausa

GINECOLOGIA FIORILLO & PALESE

“Meglio aggiungere vita ai giorni che non giorni alla vita.”

Rita Levi Montalcini

Invecchiare in salute è un privilegio ed un obiettivo.

La menopausa rappresenta la definitiva cessazione dei cicli mestruali per l’esaurimento della funzione ovarica e della produzione ormonale ed è diagnosticata dopo 12 mesi di assenza dei flussi mestruali. Insorge generalmente intorno ai 50 anni, ma talvolta può comparire precocemente, anche prima dei 40 anni.

La carenza estrogenica è la principale causa della comparsa dei sintomi menopausali.

I disturbi che possono accompagnare l’insorgenza della menopausa sono vampate, sudorazioni, palpitazioni, tachicardia, sbalzi pressori, irritabilità, sbalzi dell’umore, ansia, perdita di concentrazione e della memoria. Col tempo possono comparire altri sintomi, quali l’atrofia genito-urinaria, l’osteoporosi, i disturbi cardiovascolari, i processi neurodegenerativi e le malattie tumorali che possono causare malessere e disabilità.

Un’adeguata prevenzione da iniziare già in pre-menopausa aiuta a vivere più serenamente questo periodo di cambiamenti e a costruire un futuro in salute e benessere.

E questo è il nostro impegno.

Menopausa precoce

Menopausa: sintomi e rimedi

Atrofia e distrofia vulvo-vaginale. Disturbi della sessualità

Disturbi uro-ginecologici. Cistiti recidivanti

Prolasso utero-vaginale. Incontinenza urinaria

Sindromi algiche. Fibromialgia. Artrosi

Sindrome del colon irritabile

Sindrome dismetabolica

Prevenzione oncologica

Diagnostica Ginecologica

Consulenza / visita menopausa

Consiste in un colloquio e in un esame eseguito dal ginecologo volto a valutare le condizioni generali e dell’apparato riproduttivo della donna e a prevenire e trattare le patologie più frequentemente correlate alla menopausa.

Visita uro-ginecologica

Consiste in una valutazione complessiva anatomica e funzionale di tutti gli apparati, compresi nel pavimento pelvico, ossia l’apparato riproduttivo, l’urinario e il digerente, che spesso vanno incontro a disfunzioni col passare degli anni.

Ecografia ginecologica, sovra-pubica e trans-vaginale

Consiste in un esame effettuato con l'impiego degli ultrasuoni, che consente di osservare in modo preciso l’apparato genitale femminile e di diagnosticare cisti, tumori, ed altre anomalie.

Visita ed ecografia senologica

Consiste in un esame clinico e strumentale delle mammelle.

Colposcopia e vulvoscopia

Sono esami approfonditi del collo dell’utero e della vulva effettuati con uno strumento ottico, chiamato colposcopio, che permette una visione ingrandita da 6 a 40 volte e si effettuano per un approfondimento diagnostico.

Isteroscopia

È un esame diagnostico ambulatoriale che viene eseguito, da un ginecologo esperto, che consente di vedere all'interno della cavità uterina ed attuare un qualche piccolo intervento terapeutico. Si esegue con un sottile endoscopio (circa 3 mm) che viene inserito attraverso la vagina ed il collo dell’utero.

Pap Test, HPV DNA Test

Il pap test e l’HPV DNA Test (che ricerca la presenza del DNA del papilloma virus) sono i esami che si effettuano periodicamente allo scopo di prevenire l’insorgenza dei tumori nelle cellule del collo dell'utero.

Tampone cervico-vaginale e analisi del microbiota vaginale

Sono esami effettuati per verificare la presenza di infezioni vaginali e l’alterazione del microambiente vaginale.

Consulenze Specialistiche

Visita reumatologica

Consiste in una visita medica specialistica che ha lo scopo di prevenire e trattare, molte patologie presenti in menopausa come l’osteoporosi, l’artrosi, le artriti, la fibromialgia ecc..

Densitometria ad ultrasuoni

Consiste in un esame che, come la MOC, serve per la diagnosi e il monitoraggio di osteopenie e osteoporosi. È una tecnica non invasiva che viene eseguita sulle falangi, fornisce informazioni sia da un punto di vista qualitativo che quantitativo e non espone ai raggi X.

Visita endocrinologica

Consiste in una valutazione medica specialistica che ha lo scopo di individuare la presenza di disturbi ormonali e metabolici molto frequenti in menopausa.

Visita cardiologica

Consiste in una valutazione medica specialistica che ha lo scopo di valutare la salute del cuore e la variabilità della pressione arteriosa.

Visita gastro-enterologica

Consiste in un colloquio medico che ha lo scopo di valutare lo stato generale dell'apparato digerente, troppo spesso irritato e dolente e prevenire le patologie oncologiche.

Consulenza nutrizionale

Consiste in un colloquio con un medico specialista in scienze dell’alimentazione, con lo scopo di adeguare l’alimentazione e l’attività fisica ai bisogni dell’età e migliorare la qualità della vita.

Consulenza psicologica

Consiste in un colloquio con uno psicologo / psicoterapeuta che ascolta la paziente e le sue problematiche e suggerisce un piano di interventi al fine di risolvere le problematiche riportate.

Visita dermatologica e medicina estetica

Consiste in una in una visita specialistica mirata alla diagnosi e al trattamento degli inestetismi cutanei propri dell’età. Può essere effettuata la mappatura dei nei per la prevenzione del melanoma.

Percorsi di diagnosi e cura

Qui puoi trovare alcuni dei nostri percorsi diagnostici; scegli quello giusto per te, oppure contattaci per creare insieme quello più adatto a te.

Prima della menopausa

Consigliato a tutte le donne dopo i 45 anni.

Menopausa: prevenzione dell’ageing

Consigliato alle donne in menopausa.

Menopausa e disturbi del pavimento pelvico

Consigliato a chi soffre di distrofia vulvo-vaginale, difficoltà nei rapporti sessuali, dolore pelvico cronico, vaginiti e cistiti recidivanti, prolasso degli organi pelvici, alterazioni dello svuotamento del basso tratto urinario, incontinenza urinaria, incontinenza fecale ed ai gas o stipsi.

Faq

Domande?

La pre-menopausa è un periodo di cambiamento, inizia circa sei anni prima della menopausa, ed interessa principalmente l’apparato riproduttivo e il sistema nervoso centrale.

È caratterizzata dal progressivo esaurimento della funzione ovarica con perdita della fertilità, dalla comparsa di irregolarità mestruali e dal susseguirsi di continue fluttuazioni ormonali, in particolar modo del progesterone e degli estrogeni.

Queste fluttuazioni ormonali possono causare un alterato funzionamento di alcune aree cerebrali che si manifestano clinicamente con disturbi neuro-vegetativi (vampate) e psico-affettivi (ansia, irritabilità).

La menopausa è un periodo di passaggio, della durata di un anno, che conduce alla post-menopausa. Durante tale periodo si esaurisce la funzione ovarica e cessa quasi del tutto la produzione degli estrogeni.

Nel 75% dei casi compare la “sintomatologia menopausale” caratterizzata dalla comparsa di vampate, sudorazioni e disturbi dell’umore per il venir meno del controllo ormonale sul sistema nervoso centrale.

I sintomi iniziali della menopausa, sono conseguenza del venir meno dell’effetto neuro-trofico e neuro-protettivo degli estrogeni sul sistema nervoso, l’organo più sensibile alla carenza ormonale.

Sono sintomi neuro-vegetativi: vampate, sudorazioni, palpitazioni, tachicardia, sbalzi pressori, cefalea, disturbi del sonno, aumento del peso corporeo e sintomi psico-affettivi : irritabilità, sbalzi dell’umore, ansia, calo del desiderio sessuale e disturbi della sessualità. perdita di concentrazione e della memoria.

I sintomi vasomotori (vampate, sudorazioni) e psichici (ansia, irritabilità) tendono a ridursi in un paio d’anni, diventando col tempo meno frequenti e meno intensi.

Nel 25% dei casi però i disturbi sono severi e persistono anche nella post-menopausa.

Queste donne sono maggiormente sensibili alla carenza estrogenica e pertanto sono a maggior rischio per lo sviluppo di patologie cardiovascolari e neurologiche.

La post- menopausa, è un lungo periodo di cambiamento che segue la menopausa, della durata di circa 10-15 anni, che conduce alla senescenza.

Il cambiamento interessa numerose funzioni metaboliche (colesterolo, trigliceridi, glicemia, peso corporeo) numerosi apparati e sistemi (apparato cardiovascolare, uro-genitale e
sistema muscolo-scheletrico e nervoso), che cambiano lentamente in risposta alla carenza estrogenica.

A questi cambiamenti si sommano quelli indotti dall’ageing e insieme determinano il rallentamento delle funzioni fisiologiche, il declino della salute e l’aumentato rischio di malattie croniche.

In post-menopausa si modificano molti sistemi biologici come conseguenza della carenza estrogenica e si sviluppano, nel 50% delle donne, condizioni cliniche patologiche. Questa evoluzione è sicuramente influenzata dall’età, dallo stile di vita, dall’alimentazione, dall’attività fisica e da una attenta  prevenzione.

I sintomi più frequenti nella post-menopausa sono:

  • Alterazioni metaboliche come le dislipidemie, le alterazioni del metabolismo glicemico, nelle sue diverse forme, (alterata tolleranza al glucosio, iperinsulinemia, resistenza all’insulina, e diabete mellito tipo 2), l’obesità con aumento del grasso addominale, le alterazioni della quantità e qualità dell’osso con aumento del rischio osteoporotico e del rischio di fratture
  • Aumento della pressione arteriosa che insieme ai cambiamenti metabolici aumenta il rischio di malattia metabolica e di malattie cardiovascolari
  • Presenza di fenomeni degenerativi e infiammatori a carico di tessuti connettivali con lo sviluppo di  mialgie, artrosi,  artrite,  demenza ecc.
  • Atrofia e distrofia della cute e delle mucose che determinano invecchiamento cutaneo, con caduta dei capelli e distrofie ungueali, ma anche distrofia genito-urinaria, con secchezza vaginale, dolore nei rapporti sessuali e infezioni ricorrenti.

Esistono diversi tipi di trattamenti per contrastare i sintomi della menopausa.

La terapia ormonale sostitutiva è tra tutti i trattamenti possibili il più efficace. È una terapia ormonale combinata a base di estrogeni e progesterone o di soli estrogeni, se la donna non ha più l’utero.

Esiste anche la possibilità di effettuare la terapia ormonale sostitutiva con ormoni bioidentici. Questi ormoni di origine vegetale “identici” agli ormoni prodotti dal nostro corpo (Endocrine Society Bioidentical Hormones: Position Statement. 2006).

Se non si possono o non si vogliono assumere composti ormonali per la presenza di controindicazioni o di scelte personali, si può optare per l’assunzione di prodotti fitoterapici, medicinali il cui principio attivo è una sostanza vegetale estratta da piante, erbe, radici ecc.

Esistono due gruppi principali di integratori utilizzati per il trattamento delle vampate e delle sudorazioni. Al primo gruppo appartengono i fito-estrogeni, i più utilizzati, che sono simili agli estrogeni e derivano dalla soia, dal luppolo o dal trifoglio rosso. Al secondo gruppo appartengono i modulatori dei neuro-trasmettitori cerebrali che riducono la sintomatologia vasomotoria modificando i livelli di serotonina, dopamina e oppioidi a livello cerebrale. Tra questi i più utilizzati sono la cimicifuga racemosa e gli estratti di polline.

Qualunque terapia venga scelta, va comunque effettuata con una dieta sana, equilibrata e adeguata all’età associata ad attività fisica regolare.

articoli correlati

Vuoi saperne di più?

Richiedi un Consulto

Prenota adesso una visita o un controllo

Check-up menopausa

Per conoscerci
€ 150
00
  • Ecografia ginecologica
  • Visita ginecologica
  • Pap test
  • Visita senologica

Controllo menopausa

Per monitorare
€ 120
00
  • Ecografia ginecologica
  • Visita ginecologica

Visita o Ecografia

Per monitorare
€ 70
00
  • Ecografia ostetrica
  • OPPURE
  • Visita ostetrica

Controllo analisi gratuito

Per controllare
€ 0
00
  • Controllo accertamenti diagnostici